• [Crediamo che le storie siano le mappe con cui osserviamo E percorriamo la realtà]
  • [Crediamo che le storie siano le mappe con cui osserviamo E percorriamo la realtà]
  • [Crediamo che le storie siano le mappe con cui osserviamo E percorriamo la realtà]

[ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE]

Non perderti la nostra newsletter settimanale che ogni sabato raccoglie una selezione di storie e notizie che raccontano il mondo della creazione culturale, dell’innovazione tecnologica, della sostenibilità ambienale e sociale.

Ultimi numeri

Vai all’archivio newsletter

Stanco di scrollare?

Usa le categorie per filtrare gli articoli

In evidenza

Quando avevo dodici anni pensavo che Pamela Anderson fosse la donna più bella del mondo. La vedevo ogni pomeriggio correre su una spiaggia assolata della California, i capelli biondi legati in una coda alta, oppure bagnati, che le davano un effetto sirena quando usciva dall’acqua al rallentatore nel suo costume rosso. Aveva un volto dolcissimo, degli occhi che così blu non li avevo mai visti, e un corpo che avrei voluto avere anch’io prima o poi, dopo la pubertà.

Pamela Anderson era la donna più bella del mondo, ne ero sicura, ma ogni volta che tiravo fuori l’argomento c’era qualcuno che faceva strane smorfie, o che rideva sotto i baffi alludendo a qualcosa di cui io chiaramente non ero a conoscenza. “All’altezza del 1999, in effetti, il nome dell’attrice di Baywatch suggeriva tutt’altro tipo di riferimenti, soprattutto per i miei amici adolescenti maschi. Il-filmino-porno-di-Pamela-Anderson per molti ragazzi di quel periodo aveva segnato un passaggio importante, un’iniziazione.

Continua a leggere

[BEING A B CORP]

Mine ha ottenuto la Certificazione B Corp

Anche noi di Mine Studio da Febbraio 2023 facciamo parte della comunità internazionale delle B Corporation, che si impegna a misurarsi e a tenere conto delle proprie attività anche in termini di impatto ambientale e sociale

Il nostro percorso

osservatorio gabii

Il nostro primo progetto a impatto positivo

Osservatorio Gabii è un progetto di fundraising che ha l’obiettivo di valorizzare l’area archeologica di Gabii a Roma, oltre a finanziare attività formative per la comunità e per gli studenti dell’Istituto Comprensivo Elisa Scala, che si trova in prossimità dell’area archeologica.

Per finanziare questo progetto, abbiamo organizzato un fundraising composto da due principali attività: la vendita di magliette limited edition realizzate da 6 illustratrici e illustratori e la donazione libera attraverso una piattaforma di crowdfunding, grazie alla quale ricevere un piccolo gift inerente al progetto. Sia le t-shirt che le toppe sono realizzate con metodi sostenibili, dal concept alla produzione e alla spedizione.

«Ciò che questi fenomeni virtuali faticano a comprendere è che nessun luogo è immune da questo sentimento di fine, o meglio, di separazione.»

«Siamo di fronte a una nuova frontiera economica: l’economia della solitudine, in cui le aziende sono pronte a sfruttare anche l’ultimo baluardo della nostra vita privata.»

[IN SOTTOFONDO]

Playlist

Playlist del lavoro creativo

Nella testa di un creativo ogni idea è una questione musicale, nel senso che bisogna saperla ascoltare per capire dove sta andando a parare. Per stimolare le idee, può essere necessario un certo ritmo, una specifica vibrazione, va bene anche il rumore bianco, è fondamentale anche il silenzio, ma ciascuna di queste è una questione musicale.

Seguici su spotify